Ferragosto a Berlino, il miglior momento per visitare la capitale tedesca


Visto il tipico clima tedesco e l’importanza di poter passeggiare tra le strade di Berlino, Ferragosto, e l’estate in generale, è uno dei periodi più adatti per visitare la città. Dopo la caduta del muro, Berlino si è gradualmente trasformata in uno dei più stimolanti e creativi centri culturali d’Europa. Oggi la città presenta diverse facce e si dimostra una destinazione ideale per i giovani (grazie agli innumerevoli eventi sportivi e musicali), per gli amanti della storia e della cultura e per le famiglie, grazie all’abbondanza di spazi verdi come l’immenso parco Tiergarten, il mercato delle pulci della domenica a Mauerpark e il Volkspark Friedrichshain. L’offerta di strutture alberghiere a Berlino è così vasta da coprire tutti i gusti e le esigenze di ogni singolo viaggiatore, da quello che predilige sistemazioni lussuose al backpacker in bolletta, fino all’ecologista intransigente (a Berlino e nel resto della Germania, stanno prendendo sempre più piede soluzioni abitative votate all’autosufficienza energetica e alla riduzione delle emissioni). Ferragosto a Berlino è però il picco dell’alta stagione, per cui è opportuno prenotare l’hotel prima di partire oppure optare per uno dei convenienti pacchetti volo+hotel per Berlino. Le attrazioni non mancano di certo, tanto che la città meriterebbe almeno 5 giorni per essere visitata nei suo maggiori punti di interesse. Il Reichstag è il palazzo che ospita il parlamento tedesco ed è il luogo storico più famoso di Berlino. A Ferragosto, inoltre, le sedute sono più rare e per questo si hanno maggiori possibilità di accedere all’interno con una visita guidata. Il Checkpoint Charlie era l’ingresso principale per chi volesse attraversare la famigerata Cortina di Ferro verso Berlino Est; è anche il punto in cui, nel 1961, i carri armati russi e americani si allinearono gli uni di fronte agli altri, facendo temere al mondo l’inizio di un nuovo conflitto. Nei pressi del Checkpoint sorge il Museo del Muro. Lo zoo di Berlino, il più antico della Germania, occupa una buona porzione del parco Tiergarten e ospita al suo interno oltre 15.000 animali, inclusi i panda giganti, molti dei quali in aree naturali aperte. Uno dei simboli emblematici di Berlino è la Porta di Brandeburgo, l’icona storica e fotografica di Berlino; costruita alla fine del XVIII secolo, prendendo spunto dai propilei di Atene, è stata un simbolo di vittoria, di pace, di divisione e infine di unità. E poi c’è Alexanderplatz, luogo di ritrovo per migliaia di persone di ogni tendenza, cultura e provenienza, e snodo principale della parte orientale di Berlino. A Ferragosto pullula soprattutto di giovani ed è interessante anche solo passeggiare per incontrare i numerosi individui eccentrici che la popolano. Se il giorno è particolarmente impegnativo, la sera non è sicuramente da meno, visto che la vita notturna a Berlino è famosa per la sua varietà, per i sui infiniti locali e per la sua attitudine liberale e aperta.